Perchè hai venduto quella moto?

Home Forum Motoskills – Forum Motoskills – Andando in Moto Perchè hai venduto quella moto?

Visualizzazione 10 filoni di risposte
  • Autore
    Post
    • #23448
      Bobpezzadoo
      Partecipante

      Rifacendomi al topic di Mastic dove chiedeva il perchè di un acquisto, magari fuori dalle moto usuali, oppure magari una moto anticonvenzionale……

      La mia domanda è all’opposto, c’era lei, la moto che ti eri cucito addosso, quella che ti riempiva il cuore di gioia e il casco di sorrisi, quella che quando entravi in garage ti illuminava la giornata…..

      Ecco, perchè avete deciso di venderla? Perchè avete pensato che avreste fatto uno step verso un miglioramento?

      La mia triste storia si chiama Ktm 950 Sm del 2007 venduta ancora bambina nel 2010 con appena 37mila km, moto con la quale ho fatto di tutto, ci ho girato persino al Nurburgring, solo 17 giri, che poi sono 350km e due pieni di benzina, quella che l’ha sostituita (il Ktm 990 SmR) non era neanche parente a livello di motore e di conseguenza di guida….. Maledetto quel giorno! 😉

    • #23449
      Mastic
      Amministratore del forum

      Sempre il sogno di migliorare.
      Da ragazzo avevo l’Aspes Juma 125, l’ho lasciato indietro per una Ducati Pantah 350 XL. Fu il cambio che mi ci voleva all’epoca, anche se mi do i cazzotti in testa per aver buttato lo Juma.

      La Pantah la cambiai poi con una Kawasaki GPZ 750 UniTrak. Moto che mi piacque tantissimo.
      Dopo qualche anno, avevo voglia di una moto più sportiva. Presi una bellissima (tanto bella quanto poco guidabile) Ducati Pantah con telaio Verlicchi monoammortizzatore. Un cesso del quale faticai a liberarmi, nonostante i tanti pezzi speciali che aveva su.

      Poi sono venute le moto da pista

      Poi venne l’XX. L’ho amato tantissimo, ma mi era andato un po’ a noia. E poi io mi sentivo diverso. Non ero più quello che aveva comprato l’XX. Il passaggio alla Tuono è stato fisiologico. Mi sono sentito meglio appena ho messo il sedere sull’Aprilia.

      In mezzo c’è stato anche il mio bellissimo Suzuki GSX-R1000 K7 da pista. Una moto bellissima, ma con la quale non mi sono mai trovato. Mi affascinava, ma era un po’ un peso, perché ci stavo scomodo e non riuscivo a guidarlo bene. Poi avrei dovuto fare troppi lavori sulle sospensioni. Poi… poi… poi… un giorno è arrivato un maledetto incidente stupido (non guidavo io), il telaio si è spaccato, l’assicurazione me l’ha ripagato e io ho venduto il Suzuki senza troppi rimpianti.

      Bob, vado un po’ fuori tema, ma ci sono le moto che non ho comprato (e che avrei dovuto comprare).
      L’XX lo avevo preso dopo averne avute tre in prova. Ho rischiato di fare altrettanto con altre moto. Cosa non ho preso che avrei dovuto prendere?
      A suo tempo feci un pensierino sul BMW K 1100 R. La moto avuta in prova mi era piaciuta molto. Forse avrei dovuto comprarla.
      Un anno dopo aver corso con la Ducati Sport 1000 sono andato dal concessionario che me l’aveva messa a disposizione chiedendogli di vendermela. L’aveva già venduta e mi ci è scocciato molto.
      Un anno dopo aver corso con la 916 SuperTwins l’ho chiesta a Lenci e… l’aveva già venduta.
      Un anno dopo aver corso con il Ducati 1098 l’ho chiesto al Gentili e… l’aveva già venduto.
      Ecco, mi sono rimaste lì

    • #23456
      sec
      Partecipante

      Io non vendo mai nulla, ma proprio nulla. Scelgo, poi tengo fino allo stato di disintegrazione.
      Quindi, se non altro, mi risparmio i rimpianti. 😀

      • #23459
        Fuzz
        Partecipante

        Bravo!…tendenzialmente faccio la stessa cosa, non vendere!
        Ma più di una volta, mi sono trovato nella situazione di doverlo fare…e se ci penso 🙁 piango ancora come un vitello!
        L’888..venduto, perché ebbi la “sventura” di provare la 916 a Imola durante Motolandia…e girare prima con l’uno e poi con l’altra, era come mangiare e stare a guardare!
        Poi il Monster S4rs…un giocattolone meraviglioso, sacrificato per la scarsa comodità in due, durante i giri con mia figlia Marta, al suo posto la moto più brutta 🙂 costruita dalla Ducati:La Multistrada 1100s!…di cui sono innamorato fradicio 🙂 perché.. tanto ce l’ho in mano, che sembra essere come una estensione del mio corpo! Ma anche lei, verrà 🙁 sacrificata…per “Peppa Pig”!
        col cavolo che lo anticipo, ho detto pure troppo! 🙂

        • #23467
          Mastic
          Amministratore del forum

          Anche tu preda del GS… non me ne faccio una ragione 😛

        • #23468
          Fuzz
          Partecipante

          No caro 🙂 i crucchi saranno bravi…ma non tanto, da riuscire a vendermi una moto bicilindrica, che ha gli ingombri di un 6 cilindri in linea 😉
          Sabato la ritiro e farò le foto di rito…intanto, stamani ho portato il Muflone dal concessionario, con un pò di magone…

        • #23519
          Mastic
          Amministratore del forum

          Ti sei ripreso dal primo giro? E dal secondo?
          Insomma, poi ci racconti come va la motociclettina che ti sei preso?
          Che effetto ti fa, cosa ti ha colpito, cosa ti è piaciuto, cosa non ti è piaciuto…
          😀

        • #23520
          sec
          Partecipante

          … io ancora non ho capito su quale affare ha poggiato il voluminoso deretano…

          Fa il misterioso…

          😀

        • #23521
          Mastic
          Amministratore del forum

          Non proprio una motociclettaccia: ha preso una multistrada Pikes Peak 😉

        • #23522
          cyrano
          Partecipante

          … nientepopodimeno

        • #23523
          Bobpezzadoo
          Partecipante

          bravissimo Renzo

        • #23524
          sec
          Partecipante

          ah… si tratta bene, il fellone….

          In fondo si e’ preso una motoretta compatibile con la sua stazza 😀 😀

          Si ma quale?? Nuova o V2?

        • #23525
          Mastic
          Amministratore del forum

          Lui con il V2 ci fa il motorino d’avviamento della moto vera secondo me, ormai…

        • #23526
          sec
          Partecipante

          ohhhhh…. ha fatto il ribaltone! 😉

          Beh, ma almeno ci dice come ci si trova?

        • #23527
          Mastic
          Amministratore del forum

          Fino a che si doveva prendere la moto stava qui a perdere tempo, ora non lo si vede più… Forse con l’autunno lo si ritrova

        • #23541
          Fuzz
          Partecipante

          Allora, mi ha letteralmente sorpreso…ok, va forte 🙂 ma questo lo sapevo, ma la comodità di guida e la “facilità” con cui si lascia guidare…non me l’aspettavo! Ciclistica perfetta, tu imposti la curva e lei va come sui binari, in mappa sport (figo ho le frocerie elettroniche! 🙂 anche io) nelle prime marce, sembra una moto da cross…ma se vuoi, in 6′ è capace di accettare il gas senza grossi rifiuti…che per un Ducati, è un lusso! Una volta, tu mi dicesti che passando dalla vecchia Multi (che adoro) a questa, mi sarei divertito di meno…mi sa tanto 😉 che ti sbagliavi!
          Cosa ho preso?…la Peppa Pig 1200 col dvt del 2016, rigorosamente 2 cilindri!

        • #23542
          sec
          Partecipante

          …….

          ….. naaaaahhhhh, e’ l’ entusiasmo del nuovo che parla! 😀 😀 😀

          Vabbe’ comunque Multi vecchia/nuova sono imparagonabili, la vecchia e’ una fun bike moderatamente potente, la “nuova” e’ un missile.
          Ti domanderei piu’ che altro come si comporta su strada la Peppa in confronto al tuo vecchio Monster, che a livello di prestazioni e’ piu’ vicino nonostante la cilindrata minore e – sulla carta – dovrebbe avere stazza e misure “leggermente” piu’ sportive. Sopratutto stazza.

          … ma in fondo chissenefrega, ti auguro solo di divertirti e godertela. Mi pare che gia’ sei sulla buona strada! 😉

    • #23543
      Fuzz
      Partecipante

      Il vecchio Monster, il mio adorato S4rs…le buscherebbe di santa ragione, questa fa davvero paura O_o da quanto è efficace!
      Ieri sera, ho fatto un pezzo di Cassia che ben conosco, se ti dico le velocità che ho visto, mi dai di scemo (ed avresti piena ragione) ma ti assicuro, che la sensazione, era di assoluta tranquillità…ha una capacità di assorbire le imperfezioni dell’asfalto impressionante…dove prima puntavo il gas, adesso lo si apre senza ritegno!
      La prova del 9 😉 sarà la verifica sul circuito Quercegrossa/Castellina…dove mi aspetto dei nuovi rekord! :-))

    • #23544
      Mastic
      Amministratore del forum

      dove prima puntavo il gas, adesso lo si apre senza ritegno!

      La novità degli ultimi anni è proprio questa. Ora si può andare enormemente più forte con una sensazione di sicurezza incredibile. Prima puntavi il gas, ora ci passi sopra. Prima lavoravi con attenzione in uscita di curva, ora apri tutto e te le godi.

    • #23547
      sec
      Partecipante

      “Il miglior trucco del diavolo e’ quello di essere riuscito a convincere il mondo che non esiste”.

      Ecco… non e’ che i motori/telai sono migliorati. E’ che con l’ elettronica non ti accorgi piu’ di tanti difetti. Non e’ che non ci sono: e’ che non te ne accorgi, ovvero non ti accorgi che non sei tu a guidare la moto, ma e’ la moto a guidare te. 😀
      Ecco perche’ apri a vai. Ecco perche’ assorbe tutto. Ecco perche’ le matricole arrivano in motogp e vanno subito a bomba.

      E’ la cosa che non piace a me.

      … ma sono contento che Puzz si sia trovato un nuovo giocattolone. 😉

      • #23548
        Fuzz
        Partecipante

        Si…anzi no! 🙂 Sabato scorso, durante la consegna della moto, mentre il boss mi spiegava i possibili settaggi elettronici…io mi ero già perso 👀 col fatto, che la chiave la puoi tenere in tasca e lo stavo fissavo con l’occhio bovino…meno male, che con me c’era mia figlia 😅 altrimenti, certe cose non le avrei mai capite…dopo varie volte, che giocava con le mappe cercando di farmele capire, all’apparire della scritta “sport” l’ho bloccato lì e gli ho detto di non toglierla! Quindi, penso di non essere arrivato a far intervenire l’elettronica…amche perché, quando succede sul cruscotto si accende l’albero di Natale 🤪 quindi, ad ora direi che è tutta sostanza…più avanti, sarò più preciso.
        Ciao Tacchino

        • #23550
          sec
          Partecipante

          Sai.. quando si parla di elettronica, non pensare necessariamente alle “mappe”.

          L’ elettronica e’ dappertutto, in un veicolo “moderno”.
          Un tempo, la connessione tra polso e motore era molto piu’ diretta. Oggi, iniezione ed accensione sono tutte gestite dalla centralina. Tu dai un “tot” di gas ma e’ tutto da vedere come il motore lo gestisce, non e’ detto che qualche grado in piu’ di manetta produca davvero qualcosa. Le mappe dell’ iniezione sono complicate, l’ accensione non e’ piu’ predeterminata ma e’ la centralina che decide come e quando variarla. Non sei tu che guidi. Se un motore ha una flessione di rendimento in un certo regime, la centralina te lo nasconde e cerca sempre di modulare le cose in modo da non fartene accorgere. Tutto e’ morbido e progressivo perche’ i tagli di potenza sono continui, e’ tutto molto dinamico. Da cui niente “calci”, buchi e via dicendo.
          Un tempo il gas te lo dovevi gestire tu, conoscendo bene il rendimento del tuo motore. Se sbagliavi la pagavi. Adesso… semplicemente non guidi tu, o almeno non guidi “da solo”.

          … e poi apriamo il capitolo controlli aderenza e trazione…

          E’ un videogioco, sei di fatto in un ambiente “edulcorato”.

          Ehi ma non pensarci troppo, pensa solo a divertiti col nuovo giocattolone!

        • #23558
          Fuzz
          Partecipante

          Allora, direi che lo fa molto bene il suo mestiere! 🙂
          Tanto per dire, è la prima moto che ho che piena di “frocerie elettroniche” di cui dovrò prendere pratica, ed è indubbiamente vero che semplificano la vita 😉 inutile nascondersi dietro ad un dito, ed ho sempre detto che non possono essere una scorciatoia per imparare ad andare forte…perchè è vero, che ti aiutano ad uscire forte da una curva…peccato, che nella successiva 😉 dentro, ce la devi mettere tu…e qui casca l’asino, che arrivandoci a velocità curvatura…ha molte probabilità di finire a pelle di leone.
          Quindi, anche qui chi sbaglia paga…e salato, perché le velocità sono maggiori e se la matematica non è un pignone 😉 i tempi per rimediare ad un errore, diminuiscono drasticamente…ergo, l’è un casino! 🙂

        • #23560
          sec
          Partecipante

          …peccato, che nella successiva 😉 dentro, ce la devi mettere tu…

          Su questo hai ragione. Lo menzionavo anche io stesso rispondendo a Ric: ormai si fanno solo cadute per “lowside”.

          Ma non ti preoccupare, e’ solo questione di tempo. Tra un po’ si inventeranno qualcosa e non si dovra’ pensare neanche a quello. L’ unica occupazione in sella sara’ scattare foto del paesaggio ed inviarle su Instagram…. ovviamente sfruttando la connessione di bordo collegata via Bluetooth al telefonino.

          … aho’ pero’ non si sopporta che devo fare questa conversazione CON TE. Gia’ a zio Franco piacciono le elettriche… poi ci sei tu che mi decanti le meraviglie dell’ elettronica….

          E’ L’ INIZIO DELLA FINE!!!

          😀 😀 😀

        • #23562
          Mastic
          Amministratore del forum

          Certo che sei tosto te eh 😀 😀 😀

          Ma tu una moto moderna l’hai mai guidata?

          Tempo fa, che poi ormai sono 3 anni fa, sono uscito in moto con Francesco, il precedente proprietario della mia Tuono. Me la vendette molto a malincuore ed era sempre rimasto attaccato a quella moto. Così mi ha chiesto di scambiarcele per un po’. Voleva riguidare la sua Tuono. Quando è sceso mi ha detto: “non mi piace più. Me la ricordavo differente. Le moto moderne vanno meglio”.
          Esatto, quando guido le moto moderne mi rendo conto di quanto siano diverse dalla mia. Poi, la mia mi piace tanto, anche perché non posso permettermi la moto nuova. Mi piace sul serio. Però mi rendo conto che ormai è una moto superata.

        • #23564
          Fuzz
          Partecipante

          Guarda, che il Bombo😌 non lo fa apposta…è che proprio non c’arriva! 😁
          Ma in fondo, diciamo la stessa cosa, anche io apprezzo la guida dei mezzi di un certo periodo, l’anno scorso, ho rimesso in tiro, la Sig.ra 916😍e sono andato a farmi il solito giretto…e non ti nascondo, che ho goduto, come un bimbo piccolo…nel rimetterla in garage!
          Scherzi a parte, è una moto che ti distrugge 😅andava bene, quando eravamo giovani tutti e due…

        • #23563
          Fuzz
          Partecipante

          Ma quali meraviglie🤭che ancora non la conosco!
          Sai, quali sono le vere responsabili, dell’aumento prestazionale su strada?
          Le due cose tonde e nere, fra moto ed asfalto…secondo me.
          L’elettronica NON è una sostituta del buon guidare😉ma credo, sia un miglioramento delle condizioni di “lavoro”…cavolo, c’ho sessant’anni, fammi rilassare un pochino! 😁

        • #23554
          cyrano
          Partecipante

          all’apparire della scritta “sport” l’ho bloccato lì e gli ho detto di non toglierla!

          … potrebbe essere il claim perfetto per uno spot Ducati … io chiederei le Royalties

        • #23556
          sec
          Partecipante

          effettivamente….. 😀

          In realta’, in queste situazioni fa sempre comodo saper effettuare le regolazioni adatte del software.
          Si procede cosi’:

          Si setta il sistema sulla mappa “racing”. Poi, ci si procura un cacciavite per le regolazioni. Meglio se e’ un cacciavite a taglio. Poi si naviga sull’ interfaccia del display sull’ opzione “regolazioni” e si accede alla relativa schermata. Giunti a questo punto, si appoggia la punta del cacciavite sulla superficie del display, giusto al centro, quindi si da’ una botta secca sul manico del cacciavite con il palmo della mano. Una volta che ci si e’ accertati del corto circuito e solo dopo aver raccolto eventuali frammenti dello schermo, si puo’ finalmente mettere in moto e godersi un bel giro spensierato!

          😀 😀 😀

    • #23549
      Mastic
      Amministratore del forum

      Ecco perche’ le matricole arrivano in motogp e vanno subito a bomba.

      Io questa frase, che dicono tante persone, la combatto. Se fosse veramente così andrebbero forte tutti in MotoGP. E le case non spenderebbero decine di milioni su quei pochi nomi che garantiscono possibilità di successo.
      Sono tutti vicini, è vero. Ma alla fine quelli che vanno forte sono sempre gli stessi. E gli altri comunque, spesso hanno vinto un mondiale.

      In strada secondo me, quello che succede con l’elettronica è che anche i bambacioni riescono ad andare forte. Vero. Ma hanno molte meno probabilità di riportare a casa la moto intera. Perché, anzi, sono sopra le righe senza rendersene conto. E ne ho visti tanti eh.

      • #23551
        sec
        Partecipante

        beh, Ric, nessuno puo’ farsi un’ idea precisa, ci sono troppi valori in gioco. Ma l’ impressione resta.
        Giorni fa io stesso dicevo che c’e’ sempre, SEMPRE, quello piu’ bravo, in ogni campo. La bravura non si nasconde. C’e’ sempre chi va piu’ forte o chi e’ piu’ bravo a riportare la pelle a casa.
        Pero’ c’e’ una forte impressione che l’ elettronica riduca enormemente i tempi della gavetta o che ti permetta di ottenere – subito – il “singolo” risultato di rilievo.
        L’ esperienza ed il talento sono qualita’ che si affinano col tempo, bisogna sudare ed imparare. Impari, impari meglio, ti affini, fai esperienza e migliori sempre…. fino al momento del decadimento del corpo e delle motivazioni. Solo allora il meno esperto se la puo’ giocare con te.
        Se non ci fosse l’ elettronica, sarebbe impensabile che una matricola se la giochi con uno che ha un talento comparabile, ma anni di esperienza in piu’.
        Tutto al netto del talento epocale: Rossi, Marquez, Kenny Roberts, Stoner ma anche Biaggi che vinse alla prima gara in 500.

        Sono tutti vicini, è vero.

        E’ questo il problema: logicamente, NON dovrebbe essere cosi’.

        Ma alla fine quelli che vanno forte sono sempre gli stessi.

        Concordo, ma il problema non e’ chi va piu’ forte: e’ DI QUANTO o QUANTO SPESSO va piu’ forte.
        Ultimamente c’e’ troppa gente che vince gare o se la gioca con “i migliori”. Martin, Binder, Oliveira….. e ci sarebbe anche il caso Bastianini (che pero’ ha qualche seria possibilita’ di rientrare nella categoria “talenti epocali”).

      • #23552
        sec
        Partecipante

        La vera “misura” del problema sono le cadute per highside: non se ne fanno praticamente mai piu’. Un tempo non solo erano (assai) frequenti ma erano anche quelle che a) ti spezzavano la carriera e b) erano il miglior deterrente ad aprire la manetta (e quindi ad andare veloce).

        Adesso si cade solo in lowside.

        Quale sarebbe l’ indiziato numero uno di questa tendenza?
        La risposta e’ fin troppo facile…..

    • #23571
      sec
      Partecipante

      Certo che sei tosto te eh 😀 😀 😀

      😀

      “de coccio”, direi. Ma ci sto andando piano, potrei esser pure peggio! 😀

      Guarda… diciamo che innanzitutto per me e’ sacrosanto il principio K.I.S.S. (“Keep it simple, stupid”) che, a differenza del carattere scanzonato, e’ un principio del design tecnologico che in genere e’ preso in altissima considerazione quando si tratta di cose “serie”, professionali.

      Poi ci sarebbe anche Leonardo da Vinci ed il suo “la semplicita’ e’ la piu’ alta sofisticazione”. E’ Leonardo, per Giove. Gli ingegneri moderni saranno anche bravi…. ma Leonardo e’ DIO.

      Ma non si parla neanche di questo. Va bene azzuffarsi su quanto va bene il “modello nuovo”…. se si e’ dei sedicenni che hanno tra le mani la rivista preferita con la presentazione della nuova CBR. Ma se si e’ un cinquantenne/sessantenne e si ha la relativa esperienza? L’ unico motivo che ti dovrebbe spingere a sostenere l’ acquisto del modello nuovo e’ un vezzo personale o la volonta’ di sfoggiarlo tra gli amici o nel vicinato. Che poi e’ l’ unico motivo che spinge ad acquistare anche il Porsche – locomotore che ti sta tanto antipatico ( e pure a me!).

      A 50/60 anni usi qualunque cosa senza problemi. Ti adatti alle caratteristiche e vai. A vent’ anni, prima di cominciare un viaggio, controllavo SEMPRE la pressione delle gomme. Adesso neanche me ne fotte, se c’e’ qualcosa che non va ci guido sopra o me ne accorgo in seguito e ci metto una pezza.

      Il divertimento non dipende dall’ oggetto su cui posi le chiappe, bensi’ dallo spirito con cui lo monti.

      Guidare X o Y non fa differenza alcuna… anzi, e’ probabilmente piu’ divertente avere a che fare con un mezzo “imperfetto” perche’ ti spinge ad adattarti ed ad affrontare dei problemi. E’ piu’ coivolgente. Il mezzo NON deve essere buono… ti deve solo ispirare.

      Guarda… mi ripeto perche’ di certo ‘sta cosa gia’ ve l’ ho raccontata… ma tanto ci ripetiamo tutti quindi vale la pena essere ridondanti.
      Una delle avventure su due ruote che piu’ mi sono restate nel cuore e’ avvenuta in occasione del mio esame per la patente A.
      Napoli, appuntamento presso la scuola guida, 6 del mattino. Mi sveglio e… nevicava! Vado – in auto – all’ appuntamento alla scuola guida. In auto: quindi senza casco, senza guanti e … col cappotto. Credevo che avrei dovuto recarmi alla motorizzazione in auto. Arrivo li, ed ero solo. Dopo un po’, arriva il tipo della scuola guida. “Ma perche’ ci sono solo io? E perche’ non mi hai dato appuntamento in Motorizzazione?”. “Perche’ gia’ sai guidare, quindi siccome dobbiamo portare il Transalp E la Vespa per gli esami, mi fai il favore di venirmi dietro con la Vespa”. “Ok”.
      Ovviamente non avevo mai guidato la Vespa, machissenefrega.
      Quindi: gradi sotto zero, neve a terra, il cappotto non e’ che “sigilla” benissimo, senza guanti e casco …jet gentilmente offerto dalla scuola guida. Salto in sella, partiamo, arrivo al primo incrocio dopo 150 metri, freno e…. vado luuuuuuuuungo….niente freni! Mi affianco al tipo: “scusa… ma lo sai che ‘sto coso non frena?”. “Certo che lo so, smolliamo i freni apposta altrimenti gli allievi fanno frenate da panico e si ribaltano”. “Si… ma nel piazzale, mica per strada! A parte che me lo potevi dire prima… ma tu mi stai dicendo che io devo attraversare tutta la citta’ (non una qualsiasi… NAPOLI!), con la neve, col traffico del mattino….. SENZA FRENI?”. “E’ un problema”? “Neanche a parlarne! FACCIAMOLO!”. 😀
      Non vi dico cosa provai seguendo il tipo (che guidava molto “alla napoletana”), assolutamente congelato, copiando le sue traiettorie nevrotiche e spesso non esattamente “legali”, contemporaneamente “pensando” 50 metri prima, perche’ quello era il margine che dovevo tenermi per possibilmente provare a rallentare in caso di eventuali necessita’. Senza contare che dopo qualche minuto ero assolutamente MORTO dal freddo ed avevo le mani completamente gelate e prive di una qualsiasi sensibilita’. Arrivati alla Motorizzazione, ci volle almeno un’ ora di strofinio in una saletta semi-riscaldata per riavere l’ uso delle dita. Stavo letteralmente piangendo dal dolore. Mentre cercavo di recuperare l’ uso delle mani, gli altri allievi stavano provando il percorso ed il famigerato “8”. Che io eseguii direttamente all’ esame, senza averlo provato neanche una volta in tutta la vita.

      Insomma: Mezzo assolutamente “imperfetto”, divertimento assolutamente garantito, esperienza assolutamente indimenticabile. Capisc’?

      A differenza di Bagnaia, non siete pagati per abbassare il tempo sul giro. Avere un mezzo che e’ piu’ adatto a farlo non significa automaticamente che vi divertite di piu’. Anche un mezzo piu’ “sicuro” e’ solo un mezzo piu’ …. noioso. La “perfezione” e’ sempre stata noiosa. La si puo’ apprezzare e rispettare… ma si ride solo dei difetti e ci si ricorda solo delle disavventure. Il divertimento nasce sempre dall’ imperfezione e l’ avventura non e’ mai “pianificata”.

      Insomma: ci sono moto che mi piacciono e moto che mi piacciono meno. Lo stesso si puo’ dire di ogni altro strumento. Ma usare uno o l’ altro per me non fa ASSOLUTAMENTE nessuna differenza e l’ unica discriminante e’ il modo con cui lo strumento “mi parla”. Credo di essere capace di usare di tutto, o almeno adattarmi a farlo. Tanto ….gli strumenti qualche imperfezione ce l’ hanno sempre. Tutti. Indipendentemente dall’ anno di costruzione.

      Insomma…. non rompete i cojoni ma, sopratutto…. NON FATE I CHIACHIELLI, che c’ avete n’ eta’!
      Usate le moto che volete ma non parlatene come degli sbarbatelli alle prime armi. Renzo e’ uno che e’ capace di usare senza problemi anche un caballero scarburato degli anni ’80.

      Sempre ribadendo gli auguri a Puzz per la motorella nuova, eh! Che se la possa godere senza menate, perche’ se l’ ha scelta vuol dire che gli piace.

      • #23596
        Fuzz
        Partecipante

        Cicciobombo scrive 🙂

        Sempre ribadendo gli auguri a Puzz per la motorella nuova, eh! Che se la possa godere senza menate, perche’ se l’ ha scelta vuol dire che gli piace.

        Grazie Egregio, si direi che è un giocattolone molto divertente…e tremendamente efficace!
        Ma non per le frocerie 🙂 elettroniche, che probabilmente non imparerò mai ad usare, ancora non ho potuto provarla a fondo, ma se il buongiorno si vede dal mattino, il nostro sarà un rapporto idilliaco. Ho fatto il tratto della ss 222, che va da Castellina in Chianti fino a Greve, praticamente tutto in discesa, dove ad ogni curva il sorriso mi si allargava, dove puntavo il naso la Peppa PIg andava docilmente, con Le Ohlins che si acquattavano incuranti delle imperfezioni dell’asfalto, invitandomi a dare gas, dove prima lo puntavo almeno un minimo, aspettando che la moto si “calmasse”! Tanta roba…

    • #23573
      Mastic
      Amministratore del forum

      @sec, mi hai fatto morire dal ridere con la storia del tuo esame di guida 😀

      Direi che a questo punto sei pronto per recepire le mie emozioni più vere.
      Ieri mattina alle 7.20 sono salito sul trattore. Sono fiero possessore e utilizzatore di un cingolato Landini del 1966. Ho iniziato a lavorare che era appena spiovuto. Mi sono inzuppato passando sotto gli alberi. Era addirittura fresco. Poi, mano a mano che passava il tempo, è uscito il sole, gli alberi si sono asciugati ed è arrivato l’odore del caldo.
      E’ un odore particolare quando lavori in trattore. Si mescola l’odore della terra lavorata (e sono diversi odori in funzione del tipo di lavoro che fai) con l’odore del grosso diesel caldo. tra l’altro, la ventola del radiatore spara indietro: l’aria bollente va di lato, ma il calore del motorone in mezzo alle gambe si sente
      Ho finito di lavorare alle 12.30 sotto un sole forte. Il trattore era tutto caldo. Perché sotto il sedere hai le due frizioni di sterzo e i freni (che lavorano e scaldano). Più la trasmissione della presa di forza posteriore. E i condotti idraulici dei due pistoni del sollevatore (alzano due tonnellate ;-)).
      Ecco, a quel punto mi sono reso conto che lui era vivo.
      L’ho presa ironicamente, ma non scherzo se ti dico che anche il trattore ha una personalità. Si scalda tutto quando lo fai sudare. E quando impari a conoscerlo ti fidi anche molto di come risponde ai comandi. E un trattore vecchio ha più personalità di uno nuovo. Perché è meno immediato nella guida (oggi i cingolati hanno il joystick per guidarli, mica più le due leve accoppiate con i freni).
      Ecco, siamo pronti per il nuovo sito: tractorskills.

      • #23574
        sec
        Partecipante

        … ecco, lo vedi che mi dai del testone, ma in fondo sei un romanticone pure tu? 😛

    • #23680
      sec
      Partecipante

      Ago:

      “Le MotoGP di adesso non mi piacciono: togliamogli potenza e aumentiamo lo spettacolo”

      “Non mi piacciono queste MotoGP, io toglierei un po’ di potenza, perché non è quella che dà lo spettacolo e rende tutto più pericoloso. Senza contare che toglie la gioia del pilota di gestirla con il polso invece di affidarsi agli aiuti elettronici. Con meno cavalli gli incidenti sarebbero meno pericolosi e ci sarebbe più spettacolo, la lotta è bella anche in Moto2 e in Moto3, a prescindere dalla potenza perché lo spettacolo lo fanno i piloti”.

      https://www.gpone.com/it/2022/06/19/motogp/agostini-non-mi-piacciono-queste-motogp-la-potenza-va-gestita-col-polso.html?refresh_ce=

      Ecco… Ago una o due cose di moto le capisce… pero’ e’ come per la Repsol: ci arrivano sempre 10 anni dopo di me! 😀

      La parola chiave e’: “la GIOA di gestire col polso”…

      Comunque la prossima volta esigo il pagamento del copyright! 😀

      (matosca che cagacazzi ‘sto Sec….) 😛

    • #23910
      Logan
      Partecipante

      Oh ma che bel topic! Viva la topic!!

      I cambi che ho fatto in passato sono tutti stati fatti perchè io ero cambiato, e guidavo le moto possedute in maniera diversa. E penso sia normale. Ad esempio il bandit 1200 con cui ci ho fatto di tutto ad un certo punto mi stava stretto, modificavo sospensioni, manubrio, freni…mi serviva qualcosa di più agile.
      Presi la fireblade 929. Ecco, io quella l’ho venduta dopo averci fatto un bel po di strada, ma dopo pochi mesi, ho capito di aver fatto una delle poù grandi cagate della mia vita. Sembrava fatta per me, viaggi, pista, sparate, campeggio. Non c’era una cosa che le avrei cambiato (a parte effetto on/off che però sicuramente era risolvibile).
      Ho avuto dopo quella una ER6F, venduta due mesi dopo perchè non mi ci trovavo proprio, preso un cbr600f offertomi per caso (era di mio suocero) e ancora oggi lo tengo. Ed una cosa l’ho capita, NON LO VENDO. Al massimo glie ne affianco una più cattiva per andarci da solo a fare il cretino ma questa rimane con me.
      Infatti il fireblade 929 era una sorta di 600F anabolizato e con sospensioni più raffinate.

      Per andare al lavoro ho preso una Honda NC700S, un polmone terrificante. Lo uso come scooter, quindi diporto, ma i 33 al litro ripagano di ogni cosa e devo dire che funziona veramente bene oltre ad avere intervalli di manutenzione lunghissimi.

      • #23911
        Mastic
        Amministratore del forum

        Interessante questo concetto di non riconoscersi più nella propria moto. In passato l’ho espresso anche io. Non so in quanti possano farlo proprio. Ma io, che tengo le moto per anni, a un certo punto mi stufo perché non mi ci riconosco più

Visualizzazione 10 filoni di risposte
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.