Corsi di guida moto

  • Questo topic ha 5 risposte, 4 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 4 settimane fa da Mastic.
Visualizzazione 3 filoni di risposte
  • Autore
    Post
    • #20324
      Mastic
      Amministratore del forum

      Intanto abbiamo rilanciato i nostri corsi di guida.
      Li trovate cliccando su questo link: “Vieni a fare il tuo corso di guida con Motoskills!

      Per dubbi, domande e tutto il resto, scrivete pure qui 🙂

    • #20350
      puecherenrico
      Partecipante

      E intanto…
      È già sulla mia pagina 😉

    • #24103
      Mastic
      Amministratore del forum

      Nei giorni scorsi mi sono visto con l’amico Dario, fresco possessore di una Honda NT1100, e abbiamo fatto una mattinata di corso.
      Con piacere mi sono ritrovato una sua recensione sul forum X-ADV, che copio-incollo qui.
      (e perdonate la mia sboronaggine. Lo so, chi si loda si sbroda…)
      Grazie Dario! 😀

      In una calda sera di agosto mi ritrovo a pensare alla mia relativamente nuova NT1100, 7000 km già percorsi sulle strade del Lazio Sardegna e Abruzzo. La guido da 6 mesi e solo ora comincio a sentirla “mia”, a sentirmici “dentro”. Però… però vorrei conoscerla meglio e affidarmi a qualcuno che può aiutarmi. Perché non pensare ad un nuovo corso di guida, sarebbe il terzo. Mi ricordo allora di un colloquio avuto nel corso di un workshop Honda ad Atessa, quando ero ancora proprietario di X-Adv, con una bella persona con cui ho avuto subito empatia: Riccardo Matesic.
      Lo chiamo, ci facciamo una chiacchierata, gli espongo le mie esigenze, restiamo d’accordo di risentirci al suo rientro dalla vacanze.
      Ed eccoci allora alle 8.30 di ieri sul piazzale dove iniziamo il corso “one to one”, una delle mie richieste essere da solo con l’istruttore. Scambiamo due parole, vuole conoscere la mia esperienza di guida su due ruote, e si comincia… con i birilli! Uff direte voi, al terzo corso ancora con i birilli? Ebbene si, mai fatto con i birilli gli slalom, le traiettorie disegnate da Riccardo, cambiate a sorpresa di nascosto all’ultimo momento per verificare le mie reazioni (ho ricevuto i suoi complimenti per essere stato tra i suoi pochi allievi a non essere caduto nei tranelli). Sessione molto divertente, e devo dire anche stancante, perché se Riccardo procedeva sotto il sole con la maglietta sudata a spostare e sistemare i birilli, sono stato io ad un certo punto a dire “stop, sono stanco!”.
      E già a questo punto ho messo in carniere alcune delle sue dritte, per dirne una: il mio spazio di arresto nella frenata di emergenza è migliorato quando Riccardo si è accorto che era mia abitudine guidare con un solo dito sulla leva del freno anteriore, dicendomi di tenere due dita sulla leva per pinzare con più forza e più leva.
      Ed eccoci ora all’ombra della struttura del chiosco del piazzale per la sessione di teoria al pc, nel corso della quale ho continuato a far tesoro di tante cose che non mi sono state raccontante negli altri corsi, come ad esempio, può sembrare banale, ma il motivo per cui è meglio lavare tutta la moto a mano, lo fanno anche nel reparto corse, è quello, oltre che non nuocere alla varie guarnizioni e cuscinetti con i getti degli autolavaggi, si ha così il modo di ispezionare tutto il mezzo, telaio, eventuali trafilaggi, viteria allentata ecc. Ma basta non svelo altro. Ve lo dirà quando farete il corso con lui!
      Si passa così alla guida su strada, con interfono, un’altra delle mie esigenze, sentire “live” i commenti dell’istruttore, e con registrazioni video, fatte anche sul piazzale nelle prove con i birilli.
      E qui mi sono divertito prima a seguire le sue traiettorie con una guida un pelino al di sopra delle mie abitudini, ma confortato dall’apripista istruttore, e poi mandato avanti su un percorso a me sconosciuto, dove ho assorbito una notevole quantità di consigli e correzioni su traiettorie, frenate, accelerazioni ecc. Ultima chicca la discesa e la risalita di una serie infinita di tornanti e tornantini con curvette in salita a volte dalla pendenza devo dire mai affrontata.
      Che dire, sono state oltre 4 ore di didattica di ottimo livello, erogata da una persona affabilissima e preparatissima come Riccardo, che ringrazio pubblicamente e che mi hanno permesso di conoscere meglio la mia nuova NT! Ah, se non era per quel cacciavite che avevo negli attrezzi sarebbe stata dura sistemare il pulsante di massa della moto di Riccardo!
      Chiudo per consigliare a tutti coloro i quali mi stanno leggendo di seguire questi corsi di guida, non si finisce mai di imparare!

      • #24107
        sec
        Partecipante

        … ma noi lo sappiamo gia’ che te sei un tipo ganzo…… sbrodola pure, te lo meriti! 😉

    • #24110
      lukethebike
      Moderatore

      Per motivi professionali, conosco il mondo Giapponese delle certificazioni e dei Corsi di Guida Sicura e pure quello Americano.
      Entrambi sono Ufficiali e riconosciuti a livello statale e gli Istruttori a loro volta Certificati e Controllati a livello Didattico e di Salute 2 volte l’anno.

      Ora, in Italia Tutti possono fare Corsi di Guida PIU’ o MENO sicura in quanto il sistema non è regolamentato.
      Prima di implementare anni fa la certificazione dei Piloti Interna da me acquisita in JAP, sono andato a spiare alcune “scuole”, senza far nomi, alcune dove l’Istruttore è magari un Ex Pilota.
      La totalità di quelle visitate non fornisce alcuna BASE TECNICA di Partenza!
      Addirittura alcuni di loro tengono più a far vedere quanto sono bravi a fare i numeri che trasmettere qualcosa agli allievi.
      Alcuni provano a descrive il funzionamento dinamico della moto ma raccontando castronerie degne di espulsione a tempo indeterminato.

      Poi ci sono alcuni (pochissimi) che con passione cercano di raccontare qualcosa di sano e serio agli Utenti. @Mastic è tra questi pochissimi. Forse il solo.

      Ricordo solo che la Moto è progettata per fare quello che deve fare. Risponde a precise leggi Fisiche.
      Il Pilota nella stragrande maggioranza. peggiora le condizioni ambientali in cui la moto opera.

      • #24121
        Mastic
        Amministratore del forum

        Grazie Luca. Spero di meritare un complimento così grande. Grazie.

        Un po’ sono fortunato, un po’ ho dedicato la maggior parte della mia vita a insegnare. Anzi, a imparare a insegnare. Oggi cerco di dare agli allievi la mia sintesi. Che è in continuo divenire, perché non si smette mai di imparare. Anche di capire che si stanno facendo degli errori.

Visualizzazione 3 filoni di risposte
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.